Conferenze  
    21 settembre 2016, Mendrisio
        6 ottobre 2016, Lugano
         
     
          

  

   Traumi del passato memorizzati nelle tensioni del presente che                             subiamo come dolori e sofferenze
                                                  +
      Se la comunicazione fra i nostri sistemi interni e tra le cellule
              del corpo potesse venir disturbata o compromessa?


Tre i punti chiave e molto importanti da ricordarvi da questo breve scritto: 

  1. Non è una buona idea tener dentro nel nostro corpo “cose” vecchie, siano esse tossine, traumi o tensioni

  2. Il nostro sistema nervoso comunica attraverso segnali elettrici di frequenza e quantità molto piccola, interferenze elettromagnetiche non biocompatibili potrebbero disturbarli

  3. Non perdetevi una delle due nostre prossime conferenze :
    Settembre Mendrisio (clicca qui) Ottobre  a Lugano (clicca qui) sulla “Dirty Electricity”, Elettricità Sporca.

    Guardate il video di introduzione alla Dirty Electricity (clicca qui)


cliccare sull'immagine per vedere il video

Prendo spunto dalla consultazione con un paziente che ho visto per 7 sedute di Metodo  Hort: per anni (più di 30!) aveva sofferto di continui dolori alla spalla e al collo postumi di un incidente automobilistico.
All’inizio del percorso di cura gli spiegai che una parte di quell’energia “immagazzinata” nei blocchi della colonna vertebrale durante il trauma, era responsabile di una funzionalità non ideale di alcuni muscoli della spalla che quindi, come il collo, non riuscivano a guarire. La sua quinta vertebra cervicale bloccata impediva che le giuste informazioni del segnale nervoso arrivassero a due muscoli che sollevano e ruotano posteriormente la spalla. 

Risultato? Il collo lavorava male e faceva lavorare male la spalla che a sua volta creava tensioni al collo, instaurando un circolo vizioso cha non permetteva la guarigione e velocizzava il processo di degenerazione, creando dolore e sofferenza. mettere immagine schiena con nervi

Conseguenze sulla qualità di vita? Limitazione nella pratica dello sport, impossibilità di dormire su quella spalla e diminuita mobilità del collo durante la guida, non poco! Ieri, appunto, commentava il paziente, quanto fosse contento di non aver più dolori e di quanto fosse felice dopo tutti gli svariati trattamenti provati negli anni. 

Questa sua guarigione mi permette di sottolineare come ogni tessuto del nostro corpo comunichi con gli altri, specialmente attraverso il sistema nervoso. Più precisamente attraverso dei micro segnali elettrici che passano attraverso i nervi. 

Più queste informazioni arriveranno a destinazione intatte, migliore sarà la nostra capacità di rispondere ai bisogni quotidiani e più in salute e felici saremo. Quindi migliorare la comunicazione interna tra cellule, sistemi e organi è una delle chiavi per soffrire e ammalarsi di meno. 

Abbiamo visto sopra che la salute e il buon funzionamento della colonna sono essenziali, vi sono infatti interferenze a organi, muscoli, ghiandole che sono individuabili ben prima che si manifestino i dolori, come allarme che qualche cosa non va bene.

Oggi però desidero parlarvi di un aspetto sconosciuto ai più che sta, secondo me, diventando sempre più importante: il disturbo del segnale elettrico stesso. 

Infatti anche se all’interno del vostro organismo, funziona tutto bene, sappiamo che esistono interferenze dall’esterno possono minare
la vostra salute. 

La membrana del neurone ha un suo potenziale a riposo di -70 mV (Millivolt) e se viene stimolata di 20 mV si attiva il potenziale d’azione e il segnale.
Parliamo quindi di intensità elettriche bassissime che non possono trovarsi bene quando nel corpo passano correnti o frequenze elettriche molto più grandi. In alcune delle vostre case abbiamo misurato correnti elettriche di 60 Volt ovvero 60’000 mV! 

Un’altra caratteristica del nervo, da condividere con voi, è che il messaggio non varia in funzione dell’intensità del segnale elettrico che “corre” sul nervo. Esso infatti rimane sempre della stessa intensità e non è quindi questo che determina il messaggio trasmesso. Ciò che permette che messaggi diversi  vengano spediti è il fatto che questi potenziali vengono ripetuti a frequenze diverse e queste differenze di frequenze vengono decodificate e quindi capite come messaggi di contenuto diverso alle quali reagire in modo diverso. 

Altra spiegazione di come i nervi propagano l’informazione è attraverso la loro oscillazione, che ancora una volta, è una frequenza. 

Capire tutto ciò spiegherebbe perché quando vivete in ambienti con un voltaggio e soprattutto con dei picchi di frequenza non bio-compatibili, le malattie gravi si sviluppano più facilmente, oppure ci si può sentire stanchi molto in fretta, si possono avere momenti di mancanza di concentrazione e problemi di memoria e altro ancora (clicca qui per il  video). 

Vi esorto a guardare la mini video che ho creato e che farà da introduzione alla campagna di sensibilizzazione che lanceremo come SOLS all’ inizio dell’autunno,  per portare a vostra conoscenza cos’è la “Dirty Electricity” (Elettricità Sporca), da cosa è causata, cosa comporta per la vostra salute e come si può risolvere questa problematica  in modo semplice e poco costoso. 

Non mancate alle conferenze di Mendrisio e di Lugano! Entreremo nei dettagli, risponderemo alle vostre domande e vedrete dal vivo come si corregge la problematica della Dirty Electricity.

Conferenza a Mendrisio, 21 settembre 2016
Conferenza a Lugano, 6 ottobre 2016

Se siete interessati a leggere le ricerche che dimostrano l'associazione diretta tra elettrificazione moderna e malattie come cancro, Alzheimer, sclerosi multipla, mancanza di concentrazione , perdita di memoria, infiammazione stanchezza cronica e dolori alle articolazioni  e tanto altro, clicca qui

Dominique Hort

          21 settembre 2016 - presso Aula Magna SPAI
Mendrisio
 
 
 
6 ottobre 2016 - Hotel Pestalozzi 
Lugano

  dominique hort, chiropratico - centro carpediemvitae - via tavernola 22 - 6949 comano-lugano tel. + 41 91 210 5858        
per appuntamenti: mail@carpediemvitae.com, per la fatturazione: fatturazione@carpediemvitae.com, per tutte le altre informazioni e per i seminari info@carpediemvitae.com
Powered by Wild Apricot Membership Software