L'anno del "vivere con grazia"   

tappa n. 5     


"Emozioni che danno o tolgono energia al corpo fisico e mentale"

(tempo di lettura 8 minuti) 


 

Bonus :

come fare in modo che la tua relazione 
o il tuo matrimonio duri nel tempo

 


Emozioni Maggio 2012
Emozioni Maggio 2012


maggioMaggio, mese nuovo nel bel mezzo della primavera che fatica a portarci il caldo che stiamo aspettando da qualche tempo, dopo averlo avuto a gennaio e febbraio... Il tempo meteorologico, di questi ultimi anni, ricorda l'intelligenza emotiva disfunzionale, che crea energie e reazioni giuste, ma al momento sbagliato o che durano troppo a lungo. Il freddo e la pioggia sono perfetti per novembre o marzo .. Magari non sono neanche sbagliati per maggio, ma non per tre settimane consecutive... 

La stessa cosa vale per le emozioni: se viviamo la paura di un esame o  di una presentazione sul lavoro, mentre li stiamo svolgendo, subiremo l'energia negativa e probabilmente non potremo dare il meglio di noi; se invece la stessa emozione di paura si presentasse nei giorni precedenti, ci motiverebbe ad essere ancora maggiormente preparati e ci stimolerebbe a studiare e migliorare ulteriormente le nostre conoscenze, invece di farci distrarre da televisione o altro. 

Le emozioni sono energia in movimento, se siamo capaci di utilizzarle al meglio sono sempre positive; sono una richiesta del corpo di cambiare la funzione dell'intelligenza fisica e mentale, di generare, nell'aspetto biochimico , una modificazione nella produzione di sostanze migliori per ciò che stiamo vivendo.  

Le emozioni danno anche l'energia per cambiare mentalmente oltre che fisicamente.

 

Le chiavi per sapere come usare al meglio tutte le emozioni sono due:

  • Saper esprimere una vasta gamma di emozioni e questo dipende da due fattori:
    • Una colonna e sistema nervoso flessibili che permettano a queste emozioni di essere sentite ed espresse
    • Avere l'abitudine a sentire queste emozioni e quindi esprimerle con frequenza ed eleganza (anche quando ad esprimersi sono quelle considerate "negative", come la rabbia, la frustrazione o la paura).  
  • Saper lasciar andare l'emozione quando ha finito la sua funzione, è una capacità che ha due caratteristiche.  
    • Una colonna vertebrale e sistema nervoso con strategie superiori e capaci di vivere le emozioni, senza ricordi del passato che vi si "attacchino", rendendole solo  pensieri e vecchi ricordi. Infatti quando a causa di vecchi eventi non digeriti, non trasformati e non guariti, viviamo delle emozioni alle quali questi eventi sono ancora legati, noi avremo maggiori probabilità di accatastare, di sommare le emozioni del momento ad emozioni ancora attive del passato; il  risultato sarà che l'emozione sarà più forte, più difficile da lasciar andare e spesso produrrà effetti negativi.
    • Intelligenze mentali e fisiche capaci di ricevere queste emozioni, perché altrimenti queste energie possono portare alla luce le debolezze e le pecche del nostro corpo fisico e mentale e creare sintomi anche in questi sistemi.

Abbiamo tutti 10 unità (numero a caso che rappresenta una quantità che per quanto grande è pur sempre limitata) di energia fisica ed emotiva, come le usate quotidianamente? Come vi ho raccontato, nei numeri precedenti di questi scritti, abbiamo una quantità quotidiana di energia e d'intelligenza a disposizione che ha un tetto e vogliamo scegliere di utilizzare queste risorse al meglio possibile.

Serve quindi una giusta discriminazione, cioè una capacità di sapere quando e come fare che cosa e per quanto tempo. Abbiamo la necessità di un sistema nervoso altamente capace e consapevole per:

  • riconoscere cosa sta succedendo
  • saper osservare la mente nelle sue scelte (argomento che tratteremo nei prossimi mesi) e
  • saper abbracciare quelle azioni, pensieri e parole che danno il massimo beneficio, per le 10 unità di energia emotiva e fisica che abbiamo a disposizione quel giorno. Sapere cosa vogliamo ottenere, essere consapevoli dei risultati delle nostre azioni e scegliere le azioni e i pensieri in funzione del massimo risultato finale. Lasciarsi deviare dalla propria strada per debolezze e tentazioni, è un prezzo che possiamo scegliere di pagare, ma che alla lunga diventa dannoso e viene espresso nella vita come malattia, malessere, insuccesso, cattivo esempio, ...

 

Quando avete dei blocchi vertebrali che creano una sconnessione nella colonna o nel corpo fisico, quando avete zone del corpo che non sono connesse come dovrebbero, trattenendo vecchie energie negative e non risolte, avrete difficoltà a muovere fisicamente ed energeticamente queste zone. Siccome le emozioni sono energia in movimento, ogni volta che avete tessuti che non riescono a muoversi ed essere flessibili in tutta la loro potenziale ampiezza di mobilità, avrete questo limite che si esprimerà anche a livello emotivo.

 

Per migliorare quindi la capacità di esprimere le emozioni migliori con maggiore frequenza e per non rimanere "incastrati" nelle emozioni che generano energie negative, "pesanti", "spesse", vogliamo scegliere di lavorare su noi stessi costantemente e con strategie di successo in questo campo. 

L'alternativa è cadere nel cerchio vizioso, dove le emozioni negative e un fisico teso e disfunzionale creano disfunzioni al sistema psico-neuro- immunitario, creando ulteriori tensioni, che causeranno ulteriori emozioni disfunzionali, perpetrando la spirale negativa verso la malattia e il malessere interno.  

 

MH logoNel Metodo Hort™ aiutiamo la persona a migliorare la usa intelligenza emotiva, con l'uso più efficace delle emozioni, grazie a interventi che hanno lo scopo di migliorare la salute del corpo/mente. Il risultato di questo miglioramento, nell'utilizzazione del proprio potenziale di auto guarigione permette spesso:

  • La desensibilizzazione da eventuali intolleranze o allergie alimentari o ambientali
  • La disintossicazione da tossine
  • La normalizzazione del sistema digestivo e ormonale
  • La normalizzazione della postura di difesa e della fisiologia di stress
  • La migliore gestione del tempo e delle risorse personali
  • La migliore scelta di attività fisiche/mentali  e delle persone con  le quali queste vengono eseguite
  • La funzionalità ottimale della mascella emotiva
  • La normalizzazione di pacchetti emotivi negativi energeticamente ancora attivi nei tessuti

I risultati di autoguarigione sono ottenuti utilizzando svariate tecniche di Chiropratica, Kinesiologia, Igiene Naturale, Analisi Spinale di Network e Integrazione Somato-Respiratoria.

 

Buon mese all'insegna di un uso migliore della nostra intelligenza emotiva.

 

A presto Dominique



Bonus 

 

 

Sei a rischio divorzio?

 

 

 

 

Il killer segreto delle relazioni che devi conoscere

 

Dopo la solenne promessa del matrimonio, la maggior parte delle coppie crede che la loro relazione supererà il test del tempo, secondo i dati della Associated Press il 40-45% dei matrimoni si concluderà con un divorzio.

 

Perché così tanti matrimoni finiscono in un divorzio? Le ragioni sono spesso complesse e varie, tra queste:

  • problemi di soldi
  • mancanza di comunicazione
  • bisogni non soddisfatti
  • infedeltà
  • cambiamenti di comportamento/interessi

E, ironicamente, l'amore o la mancanza di amore spesso non è nemmeno nella lista; inoltre molte coppie si amano ancora quando decidono di divorziare.

 

I motivi di tutto questo sono ragioni mentali ed emozionali nascoste, delle quali  la maggior parte degli psicologi non ne parla neppure o a volte non ne sono nemmeno consapevoli.

 

Certezza contro Incertezza : la causa nascosta di molti divorzi

Quando abbiamo una grande "certezza" nasce, nella maggior parte di noi, una necessità impellente di cercare "l'incertezza". Nel caso del matrimonio, la vostra quota di "certezza"è completa; la vostra relazione solida e sicura.

 

Tuttavia, per molti di noi, questo che, potenzialmente, è una bella sensazione si trasforma in noia e banalità e origina una sensazione di non essere più  completamente vivi e eccitati. Questa sensazione allora ci porta a cercare l'opposto, cioè a cercare "l'incertezza".

 

Nella ricerca dell'incertezza, cerchiamo di appagare un bisogno di eccitazione non soddisfatto, ed i mezzi potrebbero includere:

  1. una relazione extra coniugale
  2. pensare o fantasticare di tradire il marito/la moglie
  3. immergersi in nuovi hobby che non coinvolgono il compagno/la compagna
  4. cambiare il comportamento o gli interessi per creare una vita più eccitante

Tutte queste cose hanno il potenziale per distruggere il matrimonio, ma non necessariamente lo fanno.

 

Perché? Perché quando diventi consapevole delle dinamiche della certezza nei confronti dell' incertezza e del fatto che noi, spesso, cerchiamo quello che non abbiamo, allora puoi cominciare a porre dei rimedi prima che la situazione degeneri fino a rovinare il tuo matrimonio.

 

In altre parole, quando abbiamo grandi certezze desideriamo prendere rischi più grandi per raggiungere un certo livello di incertezza (per esempio avere una relazione extraconiugale), ma se stiamo vivendo con grandi incertezze, improvvisamente, anche il più piccolo rischio ci sembra troppo grande.

 

Il massimo è che se decidi di andare avanti e tornare a vivere nell'incertezza, improvvisamente è molto probabile che comincerai a desiderare nuovamente la certezza che prima avevi.

 

La soluzione è riconoscere che stai cercando qualcosa che non possiedi e imparare ad abbracciare il momento presente incluso il tuo matrimonio ed assaporarlo esattamente come è in questo momento.

 

Come vivere nel presente e far in modo che il tuo matrimonio duri nel tempo

 

Per cominciare a godere delle tua vita e della tua relazione, proprio ora, per prima cosa focalizza la tua attenzione nel vivere nel presente, senza rimpiangere eventi passati e neppure aver paura o ansia per il futuro.

 

Poi scegli di mantenere un atteggiamento positivo nei confronti del tuo matrimonio. Hai il controllo su come vedi la tua situazione sia che tu la percepisca positiva o negativa.  Perciò se pensieri negativi ti attraversano la mente non prestar loro attenzione.  Anzi focalizzati sulle tante cose buone della tua vita, della tua relazione e sii grato per quello che hai, in modo speciale per quelle cose del tuo coniuge che dai per scontate.

 

Naturalmente perché un matrimonio funzioni entrambi i partner devono voler fare lo sforzo necessario a mantenere la relazione fresca, equa ed appagante.  Dunque se incontri un problema sulla tua strada, e questo succede alla maggior parte delle persone, i seguenti suggerimenti del Dr. John Gottman, autorevole ricercatore matrimoniale ed autore di "The Relationship Cure"( La cura delle relazioni), possono aiutarti a mantenere solido il tuo matrimonio ... e ti aiutano ad evitare un divorzio inutile,  insieme ad alcune cose che i nostri "SixWise (Sei Saggi)" fondatori hanno scoperto essere di successo.

  • Se hai problemi, cerca immediatamente aiuto. La maggior parte delle coppie, secondo il Dr. Gottman, aspetta 6 anni prima di chiedere aiuto; questo significa che vivono infelici per così tanto tempo.
  • Tieni per te le critiche.  "Curare il proprio modo di esprimersi" a volte può essere il segreto di coppie felici.
  • Parla dei tuoi problemi, ma esprimiti in modo gentile e senza biasimare nessuno.  Iniziare una discussione con critiche e accuse è un metodo infallibile per  aggravare il conflitto.
  • Uomini accettate di essere influenzati dalle vostro mogli. Secondo il  Dr. Gottman, un matrimonio può avere successo solo se un uomo sa ascoltare ed è disposto a lasciarsi influenzare da sua moglie. Perché? Alcune ricerche dimostrano che le mogli accettano facilmente di essere influenzate dai mariti, perciò si crea una "vera partnership" solo se anche l'uomo è disposto a farlo.
  • Non accettare comportamenti che fanno male. Avere una chiara idea di come si desidera essere trattati bene aiuta le coppie a stare bene nel lungo periodo. Ascolta i problemi, le preoccupazioni e le sfide del tuo partner e prenditi la responsabilità delle tue azioni. Se hai fatto un errore, ammettere quello che avresti dovuto fare e quello che farai in futuro, neutralizza la maggior parte dei problemi.
  • Non permettere alle discussioni di degenerare:
    • Nei momenti felici, concordate di tenervi le mani gentilmente e teneramente quando avrete una discussione. Questo fa in modo che le persone restino positivamente connesse e trattiene dall'alzare la voce e la furia.

      Attenzione: questo non è possibile quando si tratta di abusi fisici, quindi sarebbe bene prendere in considerazione di ricorrere immediatamente all' aiuto di un professionista.
  • Le coppie più felici sono quelle che possono chiudere una discussione :
    • cercando di capire il punto di vista del partner
    • non cercando di controllare il partner ,ma piuttosto rispettandolo e ridandogli potere facendolo sentire ascoltato
    • permettendo al partner di essere se stesso e amandolo più per la unicità delle sue differenze che per le sue somiglianze ai tuoi punti di forza.  Accettando queste cose forse potrai avere una nuova visione,  che include anche quelle cose sulle quali magari non concordi  completamente, e rende possibile avere la benedizione di apprezzamento e rispetto reciproco per decenni futuri.

 

"  Amare il proprio sposo più per le sue debolezze che per i suoi pregi è difficile, ma è uno sforzo che evita la maggior parte dei problemi e delle piccole frustrazioni che altrimenti si andrebbero a creare e ad aumentare", queste cose le ho apprese da mia madre" dice John Longstreet Dearlove SixWise CEO, "crea ogni giorno un nuovo inizio, rinnovando la tua  relazione con modi rispettosi e amorevoli".

 

  • Condividi la tua gratitudine per le diversità dell'altro. Se vedi o fai le cose in modo diverso, considera che questa potrebbe essere la ragione per la quale vi siete incontrati.  Non permettere che ciò che vi ha unito, vi separi perché non rispettate i vostri differenti pregi. Spesso il pregio di uno è complementare alla debolezza dell'altro, perciò completa e esprimi apprezzamento per quei pregi con i quali il tuo partner ti supporta e chiedi a lui/lei di fare lo stesso, quando tu lo/la supporti con i tuoi pregi.
  • Per prima cosa focalizza la tua attenzione sulle cose positive.  Prima di condividere i  tuoi problemi e iniziare a parlare di un soggetto o di una critica costruttiva esprimi sempre un commento positivo sul tuo partner, su un suo comportamento o su un suo pregio e concludi con una frase positiva. Questo mette le persone in uno stato di apertura mentale e dà la sensazione di essere apprezzate e non attaccate.
  • Parla apertamente del problema sorto e/o identifica e parla dei problemi sottintesi man mano che vengono alla superficie, esprimendo qualcosa di gentile e dimostra come contribuisci a mantenere salda la relazione.
  • Condividi  e cerca di vedere il lato umoristico delle cose in modi positivi e che sostengono entrambi, (non humor sarcastico nei confronti dell'altro) per calmare la discussione
  • Lascia andare (facendo un passo indietro, dimostrando comprensione, o facendo capire al tuo partner che ci siete dentro insieme)
  • Ammettere  di avere torto potrebbe valere di più che avere ragione da soli e senza la persona che amate.
  • Restare insieme dicendo agli altri cose positive ed amorevoli dell'altro ed l'un l'altro.

 

Secondo Gottman "coppie con matrimoni felici esprimono frasi positive a proposito del loro matrimonio 5 volte superiori a quelle negative, anche se stanno parlando di un problema".


______________________ 

Bibliografia:

http://www.gottman.com

Testimonianza

Sono veramente stupita dall'educazione a questo metodo (Metodo Network), non che non ci credevo ma vedere i cambiamenti sulla mia colonna vertebrale e stata una vera piacevole sorpresa! 

La vita diventa sempre più bella! 

Vorrei poter dire una piccola "critica" osservazione... ma aimé non ne ho! 

Anzi voglio ribadire la mia ammirazione per il lavoro che svolgete con tanto impegno ed è proprio grazie a tante buone e sane energie che il mondo ha una possibilità di migliorare! grazie di cuore 

M.F.


  dominique hort, chiropratico - centro carpediemvitae - via tavernola 22 - 6949 comano-lugano tel. + 41 91 210 5858        
per appuntamenti: mail@carpediemvitae.com, per la fatturazione: fatturazione@carpediemvitae.com, per tutte le altre informazioni e per i seminari info@carpediemvitae.com
Powered by Wild Apricot Membership Software